A.S.D. Circolo della scherma "G.Pettorelli"

ex gladio virtus, ex virtute honor

           
           

+39 3420408621

   

pettorelli@piacenzascherma.it

           
Previous Next

Sandro Cuomo: «Prima viene la persona, poi l’atleta»

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Il Ct della nazionale di scherma ospite del Panathlon insieme con il figlio Valerio. I ricordi di un oro olimpico più volte campione del mondo: «Ai genitori dico di non forzare le scelte dei vostri figli». Bossalini: «Per noi era come Maradona». Ballani: «Lavoriamo per portare qui anche i commissari di calcio e rugby»

«Prima la persona, poi l’atleta». Una massima che riassume po’ lo spirito con cui Sandro Cuomo allena la nazionale di scherma e la porta da un successo all’altro. Il celebre spadista - vincitore di un bronzo e un oro a squadre in due Olimpiadi, a Los Angeles nell’84 e ad Atlanta nel 1996 - è stato ospite del Pantheon Piacenza Primogenita. Una presenza, come ha ricordato il presidente Luigi Ballani, nel solco di una linea avviata dal sodalizio biancorosso: far conoscere da vicini i commissari tecnici di diversi sport. E così dopo il ciclismo, con Davide Cassani, e il baseball, con Gilberto Gerali, domenica sera 14 ottobre è stata la volta di Cuomo. E per il futuro Ballani sta lavorando su due colpi grossi: i Ct della nazionale di calcio e di rugby. 

Cuomo è stato invitato con il figlio Valerio, che sta ricalcando le orme del padre e con un palmares di tutto rispetto: attuale azzurro, ha conquistato un bronzo agli europei Under 17 ed è stato due volte campione del mondo a squadre Under 20, nel 2016 e nel 2017.

Presente alla serata il Circolo Pettorelli, con il presidente Alessandro Bossalini - uno dei tecnici della nazionale - che ha cominciato il percorso azzurro proprio con Cuomo. «Sono felice della sua visita a Piacenza. Quando lo conobbi - ricorda il Boss - lui era per noi atleti quello che Maradona era per il calcio». Ma all’Albergo Roma c’erano anche due persone che Cuomo ha conosciuto molto da vicino: i fratelli Carlo e Milly Polidoro. Con Carlo, attuale maestro al Pettorelli, Cuomo allenò gli azzurri in Coppa del mondo nel 1990 a Lione. «Ci fu subito feeling fra di noi - ha detto Cuomo - perché Carlo, una grande maestro, mi trattò in modo semplice e scoprii che anche lui era molto attento al lato umano degli atleti. Quello fu un mondiale record per i colori azzurri».

«L’idea di queste serate - ha spiegato Ballani - è di far conoscere ai giovani sportivi l’aspetto formativo dello sport, che è passione e sacrificio».

Ricca di aneddoti la serata si è snodata tra i ricordi di Cuomo e l’attualità di questo sport che affascina sempre più giovani. E proprio ai ragazzi - e ai loro genitori - ha rivolto spesso l’attenzione. «La bellezza della scherma - ha sottolineato - è che pur essendo un’arte marziale eliminala forza e il contatto tra gli avversari. I due, in pedana, sono alla pari e vengono esaltate le capacità dell’individuo, che vanno oltre la pura tecnica». I ragazzi si devono allenare con costanza, senza dimenticare di divertirsi, e si devono formare sul piano emotivo, imparando a reagire alle sconfitte: «Le vittorie sono poche, le sconfitte tante. Ai genitori dico di non forzare le scelte, non intervenire, ma seguire i figli e far coltivare loro delle passioni qualunque siano: sportive, culturali, artistiche. Non consentite che sui vostri ragazzi prevalga il mondo virtuale di computer e smartphone. Gli allenatori, poi, devono imparare a gestire l’emotività degli atleti. E questo è un aspetto molto difficile»

La scherma italiana è in buona salute. ha affermato Cuomo e il settore giovanile svetta con 6 medaglie negli ultimi anni. I competitor più agguerriti, nella spada, non sono più solo gli europei (Francia, Estonia, Ucraina) ma si affacciano con forza gli Usa e i Paesi asiatici come Corea del Sud e la Cina (soprattutto nel settore femminile).

La Federazione della scherma conta oggi 22mila iscritti (si pensi che la Francia ne ha dieci volte tanto) e c’è un notevole incremento del settore giovanile (ma anche quello dei master, dove in pedana scendono anche atleti di 70 anni e che contribuiscono in modo importante a diffondere la scherma e i suoi valori).

Infine, il rapporto padre e figlio è stato descritto da Sandro e Valerio. Il papà ha evidenziato come il figlio spesso faccia fatica a distinguere il ruolo di padre e quello di allenatore, mentre il figlio - in modo diretto - ha chiosato che il suo carattere lo porta a «puntare alla vittoria. Ho capito che questo è il mio sport, anche se amo il calcio e gioco appena posso».

Mala domanda più gettonata è stata quella dell’emozione olimpica. Cuomo, però, ha risposto che il suo ricordo più bello «è legato al mondiale Under 20 vinto. E’ quello che conservo con più emozione».

Foto sopra: da sinistra, Polidoro, Bossalini, Sandro Cuomo, Giuseppe Rossano, Ballani e Valerio Cuomo

Qui sotto: da sinistra, Bossalini, Sandro Cuomo, Ballani, Valerio Cuomo

  

A.S.D. Circolo della Scherma "G. Pettorelli"

Palazzetto dello Sport - Sala d'armi "Bruno Polidoro"

via F.lli Alberici 3 - 29121 Piacenza

 

Sede legale:

via F.lli Alberici, 3 - 29121 Piacenza

P.IVA 01380060333 - C.F. 91009350330

+39 3420408621

pettorelli@piacenzascherma.it

Orari sala d'armi

Lunedì

 

17.00-21.00

Martedì

 

17.00-21.00

Mercoledì

 

17.00-21.00

Giovedì

 

17.00-21.00

Venerdì

 

17.00-21.00

 

Copyright © 2017 A.S.D. Circolo della Scherma "G.Pettorelli". All Rights Reserved. Designed By Pettorelli© | Powered by Joomla! | Privacy Policy | Cookie Policy |

Search